Anno Hackademico 2012/2013 – Hackonomia e Bitcoin

Proseguiamo con la serie di brevi post che riassumono tutte le attività intraprese o portate avanti in questo anno di Hacklab (che a noi piace ribattezzare “Anno Hackademico”).

Da almeno tre anni nell’Hacklab ci occupiamo, tra le altre cose, di Economia. Come Hacker ci siamo resi conto che la conoscenza dei meccanismi che regolano i flussi economici e finanziari nel mondo sono pressochè sconosciuti alla stragrande maggioranza della popolazione. Ogni giorno siamo tutti bombardati da termini quali spread, inflazione, disoccupazione, indici di borsa, cambio valuta, crescita, Pil, crisi e ne comprendiamo il significato, ma ci sfugge totalmente come è fatto l’ingranaggio che determina le relazioni tra questi termini e, soprattutto, come è fatta e chi manovra la plancia di comando di tutto questo. L’economia si limita a descrivere (in maniera spesso grossolana e controversa a dire il vero) i fenomeni che accadono ed in base a questo vengono prese decisioni che incidono sulle nostre vite: il costo del petrolio, le accise sulla benzina, l’iva sui prodotti, la spesa dei governi, le regole delle banche, etc.

Mining in corso

Non disturbare la Workstation!

Da qui sono nate molte discussioni e studi al’interno dell’Hacklab e siamo andati letteralmente ad hackerare la materia. Dapprima la nostra biblioteca HackLib ha iniziato a popolarsi di libri di economia, a fianco a qualli di sistemistica e programmazione, ed ora questi libri riempiono un intero ripiano. Il nostro approfondimento è andato dalla macroeconomia a saggi sulla crisi in corso, da libri su Marx, Greenspan, Milton Friedman, Keynes a testi di assoluta attualità.

Continua a leggere

Anno Hackademico 2012/2013 – Tesi e Stage

Proseguiamo con la serie di brevi post che riassumono tutte le attività intraprese o portate avanti in questo anno di Hacklab (che a noi piace ribattezzare “Anno Hackademico”).

Una delle risposte possibile alla domanda Cos’è l’HackLab? è anche “Centro di Ricerca”. Ad esempio, i membri dell’HLCS che sono anche studenti dell’Università della Calabria hanno spesso la possibilità, grazie alle nostre collaborazioni con molti docenti, di scrivere tesi sperimentali e non sulle tematiche intorno alle quali l’HackLab sta lavorando o svolgendo attività e progetti.

Toh, un po' di tesi...

Toh, un po’ di tesi…

Con l’esplosione del fenomeno del Cloud Computing, le ultime tesi svolte negli scorsi anno hanno intrapreso proprio questo percorso, ponendolo però dalla prospettiva del software libero. Il lavoro di tesi di Vincenzo “Spax” Pirrone analizza cosa significa “elaborare nella Nuvola” e passa in rassegna le infrastrutture e possibilità esistenti, sia proprietarie che libere, per poi concentrarsi sperimentale su una soluzione libera: Eucalyptus.

Continua a leggere

Anno Hackademico 2012/2013 – Web & Server

Proseguiamo con la serie di brevi post che riassumono tutte le attività intraprese o portate avanti in questo anno di Hacklab (che a noi piace ribattezzare “Anno Hackademico”).

L’attuale versione del sito web di HLCS, che state vedendo adesso, è stata inaugurata proprio all’inizio dello scorso anno hackademico. Tutti i contenuti del vecchio sito sono stati importati, e ne abbiamo guadagnato in pulizia e semplicità di update e gestione. Non si tratta, tuttavia, della versione definitiva: mancano ancora tantissimi contenuti, soprattutto quelli necessari a far conoscere la mission dell’HackLab e la vita associativa, oltre alla sua storia; inoltre, è in programma un redesign grafico completo. Abbiamo già più di un’idea in mente, vorremmo passare quest’anno hackademico a realizzarle. Se HTML, PHP, CSS e tutti questi acronimi www-eschi non vi sono sconosciuti e vi intriga darci una mano su questo progetto, venite a trovarci =)

Uno degli obbiettivi per il 2014 è consolidare la nostra presenza online: attualmente solo parte dei nostri siti risiede sui server del nostro laboratorio, e di questi non fanno parte i due principali, ovvero questo e il blog ufficiale di Ninux Calabria. Nel corso dell’anno cercheremo di trasferire tutto, cosa che ovviamente richiede un’attenta pianificazione e un testing preciso. Speriamo anche che la rete universitaria sia meno ballerina dell’anno scorso: gli interventi tecnici eseguiti durante l’Estate ci fanno ben sperare. Tra i siti che invece sono hostati sui nostri server c’è il nuovo file repository griffato HLCS, creato .

Spoiler Alert...

Spoiler Alert…

Continua a leggere

Anno Hackademico 2012/2013 – Hackerspace

Proseguiamo con la serie di brevi post che riassumono tutte le attività intraprese o portate avanti in questo anno di Hacklab (che a noi piace ribattezzare “Anno Hackademico”).

Vuoi la rivoluzione dei makers avviata dall’italianissimo Arduino, vuoi per la nostra rinnovata passione per elettronica e robotica e le prime escursioni nella stampa 3D, il nostro desiderio da tempo latente di creare un ambiente di hacking multidisciplinare è tornato a galla più prepotente che mai questa Primavera. In Hacklab abbiamo sempre saputo che ci sono hacker in ogni campo, non solo per software e computer: gente che pensa all’avanguardia, che ricerca soluzioni brillanti a problemi interessanti esiste nell’economia, in chimica, nella fotografia, nella linguistica, quel-che-vi-viene-in-mente, gli hacker sono lì; persone che vedono modi di applicare la tecnologia in discipline non sospette, come Moda e Arte. Forse è spinti da questa forte consapevolezza che in neanche 2 mesi siamo riusciti a mettere il seme di questo ambiente, di questo hackerspace.

Hackerspace in progress...

Hackerspace in progress…

Con l’hackerspace vogliamo estendere l’HackLab oltre le solite discipline che lo vedono protagonista: networking, programmazione, sistemistica. Ma non solo.

Continua a leggere

Anno Hackademico 2012/2013 – Stampa 3D

Proseguiamo con la serie di brevi post che riassumono tutte le attività intraprese o portate avanti in questo anno di Hacklab (che a noi piace ribattezzare “Anno Hackademico”).

Qualche anno fa sono scaduti tanti brevetti relativi a dispositivi in grado di riprodurre oggetti a partire da un disegno computerizzato e pochi materiali di base. Da allora è nato un intero nuovo settore per l’open hardware (ovvero: l’hardware open source) che è ancora agli albori ma ha potenzialmente l’impatto per cambiare il mondo, trasformandoci da consumatori a produttori in una questione di secondi: si parla, ovviamente, delle stampanti 3D.

In Hacklab Cosenza amiamo essere early adopters della tecnologia, specie quella in grado di fare da propellente per il nostro nascente hackerspace. Dopo mesi di ricerche per metterci un minimo al passo del settore, abbiamo acquistato i componenti per realizzare una Galileo Next. Si tratta di una stampante derivata dall’attuale modello di punta della famiglia RepRap (la Prusa). RepRap è un progetto per una collezione di stampanti open source in grado (da qui il nome) di replicarsi (quasi completamente) da sole. Abbiamo scelto di dare fiducia ad un’azienda italiana e, trepidanti, siamo partiti col montaggio il 25 Giugno.

Il kit della Galileo Next appena unboxato.

Il kit della Galileo Next appena unboxato.

Continua a leggere

Anno Hackademico 2012/2013 – Formazione

Proseguiamo con la serie di brevi post che riassumono tutte le attività intraprese o portate avanti in questo anno di Hacklab (che a noi piace ribattezzare “Anno Hackademico”).

Pronti per tornare in classe? (Foto by Pierpieter, licenza CC-BY_NC)

Ready for a class hacktion? (Foto by Pierpieter, licenza CC-BY-NC)

Local Academy Cisco – Certificazioni CCENT/CCNA

Ultimo anno per la versione attuali delle certificazioni base Cisco, un must per chiunque voglia intraprendere una carriera nell’Internetworking, per le quali HLCS tiene i corsi ufficiali ormai da 6 anni. Questo anno hackademico abbiamo svolto tutto il corso nella nostra sede in HPCC, e siamo riusciti a terminare entro Giugno.

Questo 30 Settembre sarà l’ultimo giorno utile per sostenere l’esame delle certificazioni CCENT e CCNA attuali. All’inizio del 2013 la Cisco ha annunciato nuove versioni delle certificazioni, con una didattica rinnovata e più aderente alle novità tecnologiche degli ultimi anni, e anche l’HackLab adeguerà i propri corsi alla nuova piattaforma.

Nel 2013/2014 i 2 moduli della CCENT e i 2 della CCNA saranno tutti composti da 11 capitoli. A differenza degli anni scorsi, le lezioni si svolgeranno una sola volta alla settimana con orario esteso: quasi ogni Sabato a partire dal 9 Novembre.  Ci sarà una sessione mattutina dalle 9 alle 13, pausa pranzo, e si proseguirà dalle 14 alle 16. Per ognuno dei moduli è prevista una durata di 7 settimane: 4 di lezione, 1 di esercitazione in classe, 1 per l’esame finale e infine 1 settimana di pausa.

Presto annunceremo ufficialmente il corso e forniremo ulteriori dettagli. Stay tuned!

Corso di Migrazione a Linux

Gennaio e Febbraio 2013 hanno visto una completa rivisitazione della didattica dei nostri corsi Linux, rispetto al passato, con la prima edizione di “Migrare a Linux. Anche a causa del periodo e della poca promozione, la partecipazione è stata minore della vecchia formula base + avanzato, ma ci ha permesso di lavorare tantissimo sulla didattica, smussandola e raffinandola. Ne siamo rimasti molto soddisfatti, e lo riproporremo all’inizio del 2014.

Continua a leggere

Anno Hackademico 2012/2013 – Eventi

Proseguiamo con la serie di brevi post che riassumono tutte le attività intraprese o portate avanti in questo anno di Hacklab (che a noi piace ribattezzare “Anno Hackademico”).

Anche quest’anno l’HackLab è stato protagonista di diverse giornate aperte al pubblico e dedicate a eventi divulgativi su scienza, tecnologia, e software libero. Ricapitoliamole, e diamo un’occhiata a quelle previste già nei prossimi mesi.

Questo Marzo si è la 1° edizione (di una lunga serie, si spera) di Open Source for Open Mind. È stato un evento estremamente partecipato, grazie al grande sforzo organizzativo svolto dagli amici di BCC Mediocrati. Si è parlato di cos’è il software libero, di come passare a Linux, dei suoi casi di successo (e insuccesso), per poi presentare casi di aziende calabresi che lavorano grazie e con l’open source. Potete rivivere l’evento attraverso tutti i video sul nostro canale Youtube.

Continua a leggere

Anno Hackademico 2012/2013 – Legge Regionale e Centro Studi sul Software Libero

Proseguiamo con la serie di brevi post che riassumono tutte le attività intraprese o portate avanti in questo anno di Hacklab (che a noi piace ribattezzare “Anno Hackademico”).

In questi anni l’Hacklab Cosenza e Catanzaro hanno redatto il testo di una legge regionale che mira a rendere il software libero e open source la scelta preferenziale nella gestione della cosa pubblica. Si tratta di una legge scritta, una volta tanto, da esperti nel settore del FOSS, sia dal lato tecnico che giuridico. Gli obbiettivi della legge sono, tra le altre cose, impedire che i dati della PA (che devono essere aperti e disposizione di tutti) vengano “bloccati” da interessi commerciali, risparmiare milioni di euro relativi all’acquisizione delle licenze di software proprietario come Microsoft Office e Windows, e favorire lo sviluppo di un ambiente che competa sui servizi forniti attorno al software, piuttosto che sulla semplice concessione di una licenza.

Che questa sia la strada giusta lo dimostrano le leggi simile prodotte durante il nostro periodo di gestazione in Puglia e Umbria, e soprattutto i provvedimenti del Codice dell’Amministrazione Digitale dove viene chiaramente stabilito che in seguito ad una valutazione tecnico-economica, per la struttura informatica delle Pubblica Amministrazione la preferenza va data alle soluzioni che prevedono software libero e riuso del codice. L’anno scorso la nostra legge è stata portata in Consiglio Regionale grazie al lavoro dei consiglieri dell’IdV De Masi, Giordano e Talarico. A Luglio 2012 abbiamo presentato la legge e le sue ragioni in questa Conferenza Stampa:

Continua a leggere

Anno Hackademico 2012/2013 – HackLib

Proseguiamo con la serie di brevi post che riassumono tutte le attività intraprese o portate avanti in questo anno di Hacklab (che a noi piace ribattezzare “Anno Hackademico”).

Già da qualche anno in Hacklab stiamo raccogliendo tanti libri a tema informatico e elettronico, letteratura tecnico-scientifica, ogni tipo di saggistica interessante. Oltre a questo, stiamo pian piano accrescendo la nostra collezione di riviste informatiche. Prima di questo anno hackademico tutto questo materiale era raccolto in location “di fortuna”, ma a fine 2012 siamo riusciti finalmente a portare tutto il materiale nel nostro laboratorio! Eccolo, sorvegliato diligentemente dal nostro Centauro.

Magari un giorno Centauro avrà il text-to-speech...

Magari un giorno Centauro avrà il text-to-speech…

HackLib è un progetto dell’HLCS con cui vogliamo creare una biblioteca contenente i più interessanti volumi e pubblicazioni inerenti agli argomenti che più stanno a cuore all’associazione: ovviamente informatica, scienza e tecnica, ma anche saggistica, economia, politica, opere da think tank.

HackLib è aperta a tutti e gratuita. Tutti i volumi si possono consultare o prendere in prestito tranquillamente. Potete già adesso venirci a trovare nei nostri laboratori e visionare quanto HackLib ha da offrire alla community.

Lo status di HackLib a Settembre 2013.

Lo status di HackLib a Settembre 2013.

HackLib ha un catalogo, al momento minimale e solo ad uso interno. Parte di questo catalogo (tutte le pubblicazioni che hanno un ISBN, in sostanza) è disponibile sulla pagina Anobi della nostra biblioteca. Ovviamente questo non basta: uno dei progetti per il prossimo anno hackademico è mettere in piedi un intero catalogo di HackLib e metterlo online, oltre a creare un sistema back-end che ci permetta di gestire i prestiti e le donazioni. HackLib non si ferma qui: sarà composta anche da una parte “elettronica”, con un catalogo di eBook quasi sconfinato!

Cominceremo a lavorarci da Ottobre. Ovviamente ogni aiuto, sia nella creazione del sistema informatico di HackLib, sia in termini di donazione di riviste e libri è bene accetto! Venite a trovarci o contattateci per mail all’indirizzo info [at] hlcs [punto] it.

Di queste la collezione è quasi al completo!

Di queste la collezione è quasi al completo!

A pagina 2 trovate la trascrizione di una mail dai nostri archivi che entra nel dettaglio sullo stato di HackLib e sui programmi per il futuro.

Anno Hackademico 2012/2013 – Ninux Calabria

Proseguiamo con la serie di brevi post che riassumono tutte le attività intraprese o portate avanti in questo anno di Hacklab (che a noi piace ribattezzare “Anno Hackademico”).

Quest’anno il progetto Ninux Calabria, che mira a portare anche sul territorio calabrese la rete wireless comunitaria Ninux.org e che è nato due anni fa in seno all’HLCS, si è concretizzato anche a Cosenza: ora la Calabria ha tre isole Ninux a Reggio, Catanzaro e Cosenza composte nel complesso da una decina di punti (nodi) attivi, ovvero di luoghi tra loro collegati.

La situazione di Ninux Calabria ad Agosto 2013.

La situazione di Ninux Calabria ad Agosto 2013.

Tutte e tre le isole sono collegate al resto della rete nazionale attraverso un tunnel VPN.

Tutti i singoli passi che hanno portato a questo risultato sono ben documentati nel blog ufficiale del progetto, che vi invitiamo a leggere assieme alla pagina ufficiale di Ninux dove è ben spiegata la filosofia dietro al progetto e il perché sviluppare una rete paritaria in modo collaborativo, come Ninux fa, è importante.

Questi due anni di Ninux sono stati dedicati a fare esperienza, accumulare parte delle tante conoscenze necessarie a gestire un progetto del genere e a sperimentarle sul campo. Tutto ciò chiaramente verrà ripreso a Settembre, ma per il prossimo anno hackademico vogliamo che la rete si espanda e questo richiederà un grande sforzo di divulgazione da parte nostra e di tutti quanti sono già coinvolti o vogliono essere coinvolti in Ninux Calabria.

L’infrastruttura è nata, ma servirà a ben poco se su di essa non gireranno servizi a disposizione della comunità: telefonia VoIP, file sharing, messaggistica sicura, le possibilità sono infinite e saranno tutte oggetto di sperimentazione. In particolare è già cominciata una interessante discussione su come far viaggiare la telefonia VoIP tra i nodi Ninux con Asterix, con un occhio anche alle alternative.

Cos’altro c’è nelle prossime sfide? Si è già paventata la possibilità di integrare Ninux con reti già esistenti, come ad esempio reti wi-fi a livello comunale già presenti in Calabria, e sperimentare concretamente su un’armonizzazione di questo tipo sarebbe un’opportunità unica. Ovviamente non c’è armonizzazione senza una gestione chiara, e quindi ci sarà da mettere nero su bianco le politiche di gestione, sia tecnica che comportamentale, di una rete eterogenea e in continua espansione, ovvero: che governance avrà questa rete comunitaria? È una domanda decisiva a cui dovremo rispondere. In quest’ottica non vediamo l’ora di sperimentare con realtà collettive che in futuro costituiranno parte importante della rete e con cui non abbiamo ancora avuto occasione di collaborare ma con le quali abbiamo già avuto alcuni contatti: condomini, associazioni, pubbliche amministrazioni/istituzioni, realtà commerciali.