Lightning talks: Stampa 3D – modulo 03

L’incontro di oggi delle ore 19:15 è stato rimandato in quanto per imprevisti sarei potuto arrivare non prima delle 20:30.La prossima settimana ci sarà il grande Evento Lubit :-D, quindi la nostra prossima occorrenza sarà 10 giugno 2014 ore 19:15, oppure potremmo concordare un altro giorno della settimana.

Tenete d’occhio questo sito per ulteriori informazioni e mandatemi una mail a formazione@hlcs.it

Luigi

Linux, Software Libero e Market Share

Spesso nell’Hacklab ci troviamo a parlare di Linux e Software Libero e del fatto che sui desktop siamo ancora indietro come “quota di mercato”.
Ma Linux ha basse percentuali solo nel settore desktop!

Sistemi Operativi utilizzati sui TOP500 Supercomputer.

Sistemi Operativi utilizzati sui TOP500 Supercomputer.

Diamo qualche numero:

  1. Linux muove il 96.4% dei 500 computer più potenti della terra (i primi 10 hanno TUTTI linux)
  2. Non ho dati esatti ma sulla stragrande maggioranza di sistemi embedded, dai router agli access point ai NAS, ai print server, alle Smart TV, c’è Linux.
  3. Android, e quindi Linux, gira sull’80% degli smartphone.
  4. Oltre l’80% dei web server sono software liberi e la maggioranza sono su Linux.

E la lista potrebbe continuare ancora.

Quindi, il senso di tutto questo è che il Software Libero è il vero motore informatico del mondo, mentre il software proprietario riveste solo l’esterno, è la carrozzeria lucente e levigata che gli utenti comuni vedono attraverso i display dei loro computer desktop.
Chi riesce a vedere oltre questa superficie si rende conto che il mondo è cambiato, che ci sono nuovi modelli di business in atto basati sulle comunità, sulla collaborazione e sulla cooperazione nello sviluppo del software, e che quindi le possibilità di sviluppo sono aumentate per tutti.

Happy Hacking!

C1cl0 lighting Talk 3d Printing : Modulo 2

durante questo secondo incontro siamo rientrati nel come funziona una stampante reprap e di come essa non subisce l’ obsolescenza programmata, dato che uno dei suoi scopi è la replicabilità. Siamo entrati nel dettaglio di tutti gli strumenti necessari a fare manutenzione ed assemblaggio della stampante, suddivisi in strumenti meccanici, elettronici e poststampa. Lasciando gli strumenti software alla 3dtoolchain che vedremo nel prossimo talk. Il cuore dell’ incontro è stato il concetto di modello 3d e della composizione dei file più diffusi in questo mondo open, con particolare rilievo per i formati STL, OBJ e AMF.

 

Ecco le slides del talk :-D

3dprint-module02-Model

Ed il video dell’ evento:

modulo 2 – 3dModel

 

La prossima volta vedremo la 3dToolchain-Slic3r :-D

Settimana Senza Frontiere 2014 di ISF Cosenza: “Open Source, Open Mind” il 22 Maggio

Ingegneria Senza Frontiere – Cosenza presenta la Settimana Senza Frontiere, una serie di appuntamenti nei quali le tematiche trattate spazieranno dalla decrescita al free software, dalla cooperazione internazionale ai rifiuti.

Gli eventi sono stati organizzati in collaborazione con altre realtà studentesche ed associazioni universitarie, come Il Filo di Sophia, il Laboratorio Politico P2*Occupata ed Hacklab Cosenza.

Clicca qui per scaricare la locandina in PDF.

Clicca qui per scaricare la locandina in PDF.

Il 22 Maggio, alle ore 17:00 presso l’aula 32B1 sarà la giornata dedicata ad Open Source, Open Mind. Durante l’evento toccheremo la tematica del free software, tecnologia che Ingegneria Senza Frontiere sceglie per i propri progetti e non solo, nella convinzione che la conoscenza debba essere libera ed alla portata di tutti. E come tale dovrebbe essere frutto anche del confronto e della partecipazione della comunità tutta, come avviene nella gestione di Linux.

Ecco gli interventi tenuti congiuntamente da ISF e Hacklab Cosenza in programma al Cubo 32B:

Presentazione ISF – Floriana Pucci, Ingegneria Senza Frontiere – Cosenza

Presentazione Hacklab Cosenza – Vincenzo Bruno, Hacklab Cosenza

Introduzione al Software Libero ed all’Open Source – Cinzia De Leo, Ingegneria Senza Frontiere – Cosenza

Migrare da Windows a Linux: Questione di Workflow – Stefano De Carlo, Hacklab Cosenza

Lubit 3: la nuova versione della distro Linux made-in-Cosenza – Pasquale De Rose e Antonio Fortino, Hacklab Cosenza

A margine dell’evento si terrà una install fest Linux, dove i ragazzi di ISF e HLCS vi aiuteranno nell’installazione di Linux, e potranno consigliarvi particolari software applicativi open source alternativi a quelli proprietari o la tipolologia di distribuzione Linux più adatta a voi! A seguire apericena organizzata da ISF.

Non mancate! (Evento Facebook)

Cicl0 Lightning Talks 3D printing – Modulo 01: The Print Revolution

Martedì 13 maggio 2014 si è tenuto presso l’aula seminari del Centro di Calcolo ad Alte Prestazioni dell’Università della Calabria il primo di un ciclo di lightning talks sulla Stampa 3D. Di questa è la locandina:

Locandina Ciclo seminari stampa 3d

 

Link odt: Locandina

Durante questo primo light talk abbiamo introdotto il concetto di stampa tridimensionale definendo i parametri generici che compongono questa argomentazione, e generalizzato sullo stato dell’ arte dei prodotti oggi in circolazione tra cui i materiali usati. Infine siamo entrati nello specifico della tecnologia FFF e delle stampanti RepRap. Per i presenti dello scorso talk lascio questi link di approfondimento:

Per gli assenti ecco il video e le slides utilizzate durante il talk:

Ci vediamo martedì con il secondo light talk in cui approfondiremo i modelli 3d.

Appuntamenti Jooma Calabria @ HLCS di Maggio e Giugno

Proseguiamo la nostra collaborazione con l’associazione Joomla Calabria. Ecco i prossimi seminari che avranno luogo presso la nostra sede al Cubo 22 dell’Università della Calabria.

Vi ricordiamo che come sempre si tratta di seminari gratuiti, ma che è gradita e consigliata l’iscrizione all’associazione Joomla! Calabria, che vi darà la possibilità di partecipare senza alcun costo aggiuntivo a tutti gli eventi del fitto calendario associativo!

Scrivere con efficacia per le professioni

Livio GuidaRelatore: Livio Guida
Mercoledì 22 Maggio 2014, 19:00 – 20:30

Il seminario intende fornire spunti di riflessione, elementi di metodo e soprattutto strumenti pratico-operativi per migliorare le competenze di comunicazione scritta dei professionisti di vari settori.
Si apprenderanno metodi e tecniche di scrittura efficace, fondati sulle scienze della comunicazione e mutuati dal mondo della comunicazione di massa (giornalismo e pubblicità).

Livio Guida è un sociologo con competenze significative nella comunicazione e nella scrittura professionale. Consulente per l’area comunicazione di importanti organizzazioni non profit e docente di diversi seminari sulla scrittura efficace. Altre competenze ed esperienze di rilievo nel campo della formazione e della progettazione e coordinamento di interventi sociali e culturali.

Registrazioni sul sito di Joomla! Calabria.

LAMP stack for Joomla, WordPress & Co.

Giovedì 5 Giugno 2014, 19:00-20:00

Come installare un server Gnu/Linux con tutti i tool per i CMS più diffusi.

GIMP: open source per la grafica

Mercoledì 18 Giugno 2014, 18:30-20:00

Il seminario introduce allo strumento open source GIMP.
Gimp è un programma freeware per la creazione e la modifica di immagini digitali.
Viene spesso utilizzato per operazioni di fotoritocco, di conversione tra formati ed animazioni oppure per la realizzazione di loghi o disegni più o meno complessi.
Per i profani diciamo che Gimp se vogliamo è una specie di Paint di Windows con molte più funzioni, ecco perchè utilizzandolo sono possibili delle manipolazioni sulle immagini molto più avanzate rispetto al programma della Microsoft.
Nonostante la sua natura freeware Gimp è considerato una buona alternativa al noto software commerciale Adobe Photoshop, soprattutto in ambiti non professionali.

Lubit 3: Dalle Origini ad Oggi

lubit-logoOrmai sono passati più di 3 mesi da quando Luigi,‭ ‬uno dei due principali sviluppatori di Lubit ha coinvolto l’HLCS (e da un mese tirando dentro anche me,‭ ‬Pasquale De Rose, e Antonio Fortino) nello sviluppo di Lubit,‭ ‬e ora ‬mi trovo a parlare di questa piccola grande distro. Ironia della sorte, visto che sono mesi che uso Lubit,‭ ‬più precisamente da questo Natale quando per necessità ho dovuto acquistare un Asus eeepc per l’università.

La mia scelta,‭ ‬dopo una lunga ricerca è ricaduta su questa distro,‭ ‬derivata dal lavoro e dalla passione di Luigi Iannoccaro e di Massimo Testa. Le recensioni ne parlavano molto bene e sopratutto volevo provare qualcosa che fosse fatto qui in Italia,‭ ‬e sottolineo qui in Italia,‭ ‬perché essendomi soffermato solo sul lato tecnico non avevo notato che in fondo lo sviluppo era partito non molto lontano da casa mia.

Pensate che sono stato arruolato nelle file dell’HLCS proprio grazie ad Antonio Fortino e a Luca Fiorenza che avevano intravisto sul mio desktop il pipistrello di Lubit‭ ‬2. Dopo questo piccolo scorcio della mia personale esperienza diamo un’occhiata più precisa a Lubit e a tutto quello che gira attorno ad essa.

Uno sguardo attento a Lubit

Lubit è distro linux basata su Ubuntu che cerca di essere il più possibile leggera e funzionale,‭ ‬rendendola adatta non solo per chi vuole un computer veloce e performante ma anche per tutte quelle macchine piuttosto datate che ormai non sono più adatte a far girare sistemi operativi più impegnativi.

Lubit si avvale dell’accoppiata di Openbox come window manager e Tint2‭ ‬come barra delle applicazioni,‭ ‬grazie a questi due strumenti riesce a mantenere il consumo della ram sui‭ ‬100mb e i processi della CPU al minimo,‭ ‬riuscendo così ad essere anche più leggera di altre alternative più famose come Lubuntu o Xubuntu. In più la distro è corredata dai software più leggeri sulla piazza,‭ ‬ad esempio Thunar come file manager,‭ ‬Gnome Mplayer per la riproduzione di filmati,‭ ‬Firefox come browser,‭ ‬Leafpad come editor di testi e in fine Conky che da al tutto un aspetto molto più gradevole.

OpenBox il pezzo forte della distro

Il pezzo forte della distro è appunto il window manager,‭ ‬OpenBox. Come anche si può intuire dal nome OpenBox è un window manager aperto e sopratutto leggerissimo,‭ ‬infatti non c’è quasi nulla che non possa essere personalizzato o modificato. Però essendo minimale non è spesso l’alternativa più valida per chi magari vuole avere qualcosa che a primo impatto sia user-friendly.

Fortunatamente questo aspetto viene quasi del tutto eliminato,‭ ‬infatti parte del lavoro è stato personalizzare questo menu in modo da dare un approccio pragmatico anche a chi magari non vuole scendere troppo nell’aspetto tecnico.

Le novità di Lubit 3

Sono veramente molti gli aspetti migliorati in questa versione. Si basa su Ubuntu‭ ‬14.04‭ ‬LTS e sul kernel Linux‭ ‬3.13.0‭ ‬e rimane ancora temporaneamente un esclusiva per i processori x86.

In questa relase abbiamo cercato di ottimizzare la distro al massimo,‭ ‬parte dei programmi 2che sono presenti in Lubit‭ ‬2‭ ‬sono stati sostituiti con altri più leggeri o funzionali. La grafica oscura e cupa della scorsa versione è stata sostituita a favore di una più chiara e luminosa. Molte sono state le modifiche apportate a Conky,‭ ‬ora con nuove statistiche aggiunte e ridisegnato e adattato alla nuova grafica.

In più sono stati risolti alcuni bug che affliggevano Lubit‭ ‬2. Il tutto in questa terza versione risulta più stabile,‭ ‬veloce e funzionale,‭ ‬con un aspetto migliorato.

1274407_736344086415857_5411342359435302456_o

Il Rilascio di Lubit‭ ‬3‭ ‬e la presentazione ufficiale

Il rilascio della nuova versione avverrà questo martedì‭ ‬6‭ ‬Maggio sulla pagina SourceForge del progetto Lubit.

In più è previsto per il‭ ‬3‭ ‬Giugno un talk di Massimo e Luigi che si terra qui all’Unical. A breve pubblicheremo la locandina dell’evento,‭ ‬quindi per maggiori info vi invito a seguire il nostro sito o il blog del progetto.‭

Gli Amici Di Lubit e le altre novità

Ormai è quasi un anno da quando il team si è costituito e da quando Lubit‭ ‬1.6‭ ‬è stata rilasciata,‭ ‬da lì le cose sono molte migliorate.‭ ‬Non solo sono aumentati gli utenti e i volenterosi che danno il loro contributo alla distro ma sta per nascere Gli Amici di Lubit. Grazie all’entusiasmo di Luigi,‭ ‬di Elio e di Eugenio Iannoccaro l’associazione si prefigge di diffondere le conoscenze sul software libero porta a porta dando la possibilità anche a chi non è pratico con l’informatica di conoscere ed apprezzare il software libero.

La neonata associazione però vanta già di ben undici membri pronti a mettersi in gioco nel dare alla Calabria quella spinta verso l’open source,‭ ‬ma anche più generalmente verso il progresso informatico. Un approccio quindi diverso e sicuramente molto diretto e amichevole rispetto ai canonici mezzi di comunicazione. In più da parte nostra in HLCS daremo,‭ ‬oltre a tutto il nostro supporto tecnico, anche uno spazio sui nostri server per un nuovo sito e per i repository.

Che dire,‭ ‬il mondo di Lubit è piccolo forse ancora acerbo,‭ ‬ma con un cuore attivo e pulsante. Tutto questo non va visto come il classico progetto mandato avanti dalla azienda X con obbiettivi già distinti e ben prefissati che magari alla fine non prendono nemmeno piede. Credo che lo sviluppo abbia qualcosa che non si vede più al giorno d’oggi,‭ ‬un po’ vintage,‭ ‬come nel ventennio che partiva dagli anni settanta,‭ ‬quando il vero fulcro dello sviluppo su computer veniva portato avanti nei garage,‭ ‬da amici,‭ ‬con pochissimi mezzi ma con veramente tanta,‭ ‬tanta passione.

Noi dell’Hlcs vogliamo credere e aiutare a portare avanti questo progetto. Vi consiglio caldamente di provare Lubit,‭ ‬e magari anche di contribuire nello sviluppo. Non servono grandi conoscenze di Linux o di informatica,‭ ‬anche la più piccola segnalazione di un bug è importante per lo sviluppo.

Happy Hacking‭!

Nasce un Hacklab a Corigliano

L’Hacklab Cosenza promuove la nascita di un nuovo gruppo nel comune di Corigliano Calabro. Tramite alcuni membri originari del posto è stato organizzato un incontro conoscitivo finalizzato a gettare le basi per nuove attività.

Corigliano_Calabro_Vista_2

Questo Sabato 3 maggio 2014 si riuniscono per conoscersi e costituire un gruppo stabile tutti gli appassionati di tecnologia e innovazione di Corigliano e dintorni.

Un Hacklab è un laboratorio dove incontrarsi, scambiare conoscenza, fare innovazione su temi quali:

  • Linux, Software Libero e Open Source
  • Robotica e automazione con Arduino
  • Reti, sicurezza e wireles
  • Stampa 3D
  • Bitcoin e criptomonete
  • Portare il Software Libero nelle scuole e nella pubblica amministrazione
  • Fare rete con aziende, PA e associazioni

e molto altro.
Il gruppo punta a raggiungere i suoi scopi tramite incontri periodici, seminari pubblici, corsi e costituendo un laboratorio stabile nel territorio di Corigliano.

Appuntamento alle ore 17.00 presso il Bar Conte, Corigliano Scalo, Via nazionale n°127

Per info scrivete a dramisgiorgio@gmail.com
Siete tutti invitati a partecipare!

Arduino Day 2014 anche in Unical!

L’Hacklab Cosenza presenta l’Arduino Day 2014!
Martedì 1 Aprile (non è uno scherzo), dalle 19.00 alle 21.00, cubo 22B

ARDUINO DAY 2014Cos’è Arduino Day?

Arduino Day è un evento globale per i primi 10 anni di Arduino, tenutosi il 29 marzo in moltissime città in tutto il mondo.
Martedì 1 aprile all’Unical apriamo le porte dell’Hacklab per una serie di workshop che possano avvicinare tante persone a questo hardware libero che sta rivoluzionando il mondo dell’elettronica

Chi può partecipare?

Possono partecipare all’evento tutti coloro che vogliono toccare con mano per la prima volta una scheda Arduino e realizzare un primo esperimento.
Naturalmente possono partecipare anche coloro che già conoscono questo sistema e cercano una comunità di appassionati con cui scambiare idee e progetti.

Cosa succede durante l’Arduino Day?

Durante l’evento potrai:

  • vedere da vicino Arduino all’opera in una serie di esperimenti, dal più semplice e introduttivo a quelli più complessi
  • parlare con i ragazzi dell’Hacklab e avvicinarsi al nostro Hackerspace con i suoi 1000 progetti
  • portarsi via un kit completo per sperimentazioni con Arduino a un costo minimo, grazie alla collaborazione con il nostro partner Arduiner

Per un assaggio di quello che presenteremo guarda il video di Massimo Banzi che presenta Arduino e alcuni progetti fatti con esso (sottotitoli in italiano)